Prontuario imposte e tasse on line
Global Laboratory s.r.l. - Bari
Sei in:  Innovazione & Software  <b>></b> Prontuario imposte e tasse <b>></b> Addizionale comunale
 
Innovazione e software s.r.l. - Bari

Prontuario addizionale comunale all'Irpef/Ire


Aliquote addizionale comunale a partire dal 2001

Regione Provincia
Abruzzo Chieti L'Aquila Pescara Teramo
Basilicata Matera Potenza
Calabria Catanzaro Cosenza Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia
Campania Avellino Benevento Caserta Napoli Salerno
Emilia Romagna Bologna Ferrara Forlì - Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini
Friuli Venezia Giulia Gorizia Pordenone Trieste Udine
Lazio Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo
Liguria Genova Imperia La Spezia Savona
Lombardia Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Monza E Della Brianza Pavia Sondrio Varese
Marche Ancona Ascoli Piceno Fermo Macerata Pesaro Urbino
Molise Campobasso Isernia
Piemonte Alessandria Asti Biella Cuneo Novara Torino Verbania Vercelli
Provincia Di Trento Trento
Puglia Bari Barletta-Andria-Trani Brindisi Foggia Lecce Taranto
Sardegna Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari
Sicilia Agrigento Caltanissetta Catania Enna Messina Palermo Ragusa Siracusa Trapani
Toscana Arezzo Firenze Grosseto Livorno Lucca Massa Carrara Pisa Pistoia Prato Siena
Umbria Perugia Terni
Valle D'Aosta Aosta
Veneto Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Verona Vicenza
Ai sensi dell'art. 1, D. Lgs. n. 360/98, i comuni possono istituire un'addizionale comunale all'irpef (oggi Ire), a decorrere dal 1 gennaio 1999.
Dal 2002 le delibere che fissano le aliquote di addizionale comunale hanno validità dal momento della loro pubblicazione sul portale dell'Amministrazione finanziaria, www.finanze.gov.it, e non sono più pubblicate nella Gazzetta Ufficiale (art. 11, comma 3, legge n. 383/01).
Per istituire l'addizionale comunale IRPEF, i Comuni devono seguire le modalità indicate nel decreto interministeriale 31 maggio 2002.
Sino al 2006 l'addizionale comunale era dovuta al comune nel quale il contribuente aveva il domicilio fiscale alla data del 31 dicembre dell'anno cui si riferisce l'addizionale stessa ovvero,relativamente ai redditi di lavoro dipendente e a quelli assimilati a medesimi redditi, al comune in cui il sostituito ha il domicilio fiscale alla data di effettuazione delle operazioni di conguaglio relative a detti redditi.
A partire dal 2007 l'addizionale comunale è dovuta al comune nel quale il contribuente ha il domicilio fiscale alla data del primo gennaio dell'anno cui si riferisce l'addizionale comunale stessa.
Per la generalità dei contribuenti l'addizionale comunale viene calcolata in sede di dichiarazione dei redditi (Modello 730 o Unico persone fisiche). A partire dal 2007 oltre al saldo dovuto per l'anno precedente è dovuto anche il 30% in acconto su quanto dovuto per l'anno corrente.
Per i redditi da lavoro dipendente ed assimilati l'addizionale comunale viene calcolata e trattenuta dal datore di lavoro (sostituto di imposta) in sede di conguaglio fiscale. Gli importi dovuti a titolo di saldo vengono effettivamente trattenuti in busta paga con massimo 11 rate da gennaio a novembre dell'anno successivo, mentre gli importi dovuti a titolo di acconto sull'addizionale comunale vengono trattenuti, sempre nell'anno successivo, in massimo 9 rate da marzo sino a novembre.

Innovazione e Software s.r.l. - Bari Copyright © 2001 - 2016 Innovazione & Software s.r.l.
Via Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa
70124 Bari (Italy)